Continuiamo il nostro recap con la Serie A2 e ci spostiamo nel Girone Verde. Andiamo a scoprire come è andata!

——————-

GIRONE VERDE

——————-

𝐓𝐫𝐚𝐩𝐚𝐧𝐢 – 𝐔𝐫𝐚𝐧𝐢𝐚 𝐌𝐢𝐥𝐚𝐧𝐨 𝟏𝟎𝟒-𝟖𝟑

Altra partita senza storia per gli uomini di 𝐏𝐚𝐫𝐞𝐧𝐭𝐞 che scavano il solco già nel primo tempo contro una Milano non proprio in serata.

Trapani morde sin dall’inizio, con 𝐍𝐨𝐭𝐚𝐞 (.. e Imbro’ (.. che fanno subito il vuoto ed a metà quarto è 13-0 per gli Sharks, Milano reagisce e chiude sotto di 5 punti il primo quarto (23-18).

Nel secondo quarto Trapani allunga con Milano che non può nulla e si ritrova a -19 all’intervallo; siciliani che a fine partita conteranno sei uomini in doppia cifra, a testimoniare un roster lungo e qualitativo.

Terzo quarto e la musica non cambia, Trapani concede poco e gli uomini di 𝐕𝐢𝐥𝐥𝐚 continuano a perdere terreno, 𝐏𝐢𝐮𝐧𝐭𝐢 (3) è annullato da 𝐇𝐨𝐫𝐭𝐨𝐧 (18+9rb), 𝐌𝐨𝐧𝐭𝐚𝐧𝐨 (19 con 8/10 dal campo) e 𝐋𝐚𝐧𝐝𝐢 (15) provano a suonare la carica ma è tutto vano, si va all’ultimo riposo sull’83-58.

Nel quarto periodo è puro garbage time come spesso accade in terra siciliana, minuti importanti per i panchinari per farsi le ossa, e i titolari che possono concedersi un po’ di riposo in panchina, il finale sarà 104-83.

Resta ben salda in vetta Trapani, e probabilmente sarà così fino ai play off, vera squadra da battere in questo campionato, mentre Milano resta nel gruppetto al quarto posto con Rieti, Treviglio e Cremona.

——————-

𝐂𝐚𝐧𝐭𝐮’ – 𝐋𝐚𝐭𝐢𝐧𝐚 𝟗𝟎-𝟕𝟐

——————-

Altra vittoria di Cantù nonostante la falsa partenza contro Latina.

Primo quarto equilibrato con Latina che presenta subito il nuovo acquisto 𝐌𝐚𝐲𝐟𝐢𝐞𝐥𝐝 (da Orzinuovi) e prova a fare lo sgambetto ai padroni di casa, al primo riposo è 18-16 per Cantù dopo che gli ospiti sono stati avanti con un massimo vantaggio di quattro lunghezze.

Nel secondo quarto gli uomini di 𝐂𝐚𝐠𝐧𝐚𝐫𝐝𝐢 sono più concentrati e con 𝐇𝐢𝐜𝐤𝐞𝐲 (22+9as) e 𝐘𝐨𝐮𝐧𝐠 (16) allungano mandando le squadre al riposo sul 47-37.

Nel secondo tempo ancora difesa forte per i padroni di casa che concedono tiri abbastanza improbabili agli ospiti, mentre in fase offensiva la palla gira bene e Cantù allunga ancora sul 72-55 di fine terzo quarto.

𝐌𝐚𝐲𝐟𝐢𝐞𝐥𝐝 (doppia doppia da 13+10as) prova il tutto per tutto, con 𝐀𝐥𝐢𝐩𝐢𝐞𝐯 (18) e 𝐏𝐚𝐫𝐫𝐢𝐥𝐥𝐨 (14) a fare da spalla,a Cantù non vuole lasciare spazio ai laziali e 𝐁𝐮𝐜𝐚𝐫𝐞𝐥𝐥𝐢 (15) e 𝐌𝐨𝐫𝐚𝐬𝐜𝐡𝐢𝐧𝐢 (13) chiude la partita, il risultato finale è 90-72 per i lombardi.

Cantù resta ancorata al secondo posto inseguita da Torino ad una vittoria di distacco, mentre Latina chiude il girone con una sola vittoria in campionato.

——————-

𝐓𝐨𝐫𝐢𝐧𝐨 – 𝐀𝐠𝐫𝐢𝐠𝐞𝐧𝐭𝐨 𝟖𝟖-𝟕𝟕

——————-

Altra vittoria per gli uomini di 𝐂𝐢𝐚𝐧𝐢 che trovano la quarta consecutiva e mantengono ben saldo il terzo posto in classifica.

Partenza a rilento per i piemontesi che siglano il primo canestro dopo due minuti abbondanti trovando il vantaggio a metà quarto e chiudendo 20-19 il primo quarto.

Torino prova ad allungare con 𝐓𝐡𝐨𝐦𝐚𝐬, doppia doppia da 10+10rb e 𝐊𝐞𝐧𝐧𝐞𝐝𝐲 (18), poi 𝐌𝐨𝐫𝐢𝐜𝐢 (16+9rb) impatta per Agrigento sul 29 pari; 7-3 di parziale per Torino e si va al riposo lungo sul 36-32.

Nel secondo tempo Agrigento mette il naso avanti con 𝐂𝐨𝐡𝐢𝐥𝐥 (17) e 𝐌𝐞𝐥𝐢𝐳𝐳𝐢 (17), poi sale in cattedra 𝐏𝐨𝐬𝐞𝐫, migliore dei suoi con 23 punti e 10/11 da due, che ricuce il -5 e il terzo quarto si chiude sul 58-57 per i padroni di casa.

Torino ha più energie e trova due triple che valgono il +10, Agrigento risponde ma i sette canestri dalla lunga regalano il massimo vantaggio alla squadra di Ciani sul +16 a due minuti dalla fine, il risultato finale è di 88-77 per i piemontesi.

Torino consolida il terzo posto e mantiene due vittorie di scarto dal gruppetto di inseguitrici; per Agrigento ancora zone basse della classifica a quattro vittorie con Roma e Vigevano.

——————-

𝐒𝐞𝐛𝐚𝐬𝐭𝐢𝐚𝐧𝐢 𝐑𝐢𝐞𝐭𝐢 – 𝐓𝐫𝐞𝐯𝐢𝐠𝐥𝐢𝐨 𝟖𝟓-𝟕𝟔

——————-

Torna a vincere Rieti dopo la sconfitta esterna subita a Torino in settimana, a farne le spese Treviglio alla terza sconfitta consecutiva.

Parte bene Treviglio che va avanti di 5 punti nel primo quarto poi subisce un parziale di 10-2 che riporta avanti gli uomini di coach 𝐑𝐨𝐬𝐬𝐢, si va a riposo su 23-17.

Black out reatino che dal +7 di metà secondo quarto si ritrova sotto di due punti e si va al riposo sul 35-37 per gli uomini di 𝐅𝐢𝐧𝐞𝐥𝐥𝐢.

Nel secondo tempo Rieti cambia rotta, inizia a segnare con continuità dalla lunga, e dopo il parziale iniziale di 11-3 allunga su Treviglio, che al contrario inizia a faticare ben chiusa dalla difesa dei laziali, il terzo periodo si chiude sul 65-52 per i padroni di casa.

Nell’ultima frazione gli ospiti recuperano qualcosa e tornano a -6 senza mai raggiungere un solo possesso di distanza, alla fine Rieti la chiude e porta a casa due punti importantissimi contro una diretta rivale.

Buone le prestazioni di Johnson (15+6rb) e 𝐒𝐩𝐚𝐧𝐠𝐡𝐞𝐫𝐨 dalla panchina (19), oltre al solido 𝐇𝐨𝐠𝐮𝐞 da 9pt e 9 rb.

Per Treviglio 𝐇𝐚𝐫𝐫𝐢𝐬 (16) e 𝐌𝐢𝐚𝐬𝐜𝐡𝐢 (20) a tirare la carretta, con 𝐏𝐚𝐜𝐡𝐞𝐫 (12) che ingrana solo a fine partita.

Rieti raggiunge Treviglio e occupano il quarto posto con Cremona e Milano con 8 vittorie.

——————-

𝐋𝐮𝐢𝐬𝐬 𝐑𝐨𝐦𝐚 – 𝐉𝐮𝐯𝐢 𝐂𝐫𝐞𝐦𝐨𝐧𝐚 𝟖𝟗-𝟗𝟐

——————-

Sconfitta casalinga dopo due vittorie consecutive per Roma, che devono arrendersi nel secondo tempo agli uomini di coach 𝐁𝐞𝐜𝐡𝐢.

Grande partenza per i padroni di casa che ingranano subito e trovano un parziale in apertura di 15-4, Cremona accorcia le distanze e si va al primo riposo sul 17-11.

Nel secondo periodo gli uomini di 𝐏𝐚𝐜𝐜𝐚𝐫𝐢𝐞’ continuano a trovare buone soluzioni, la difesa aggressiva però porta subito al bonus per gli avversari, che trovano un parziale di 8-0 dai liberi, e rientra fino al -3, 𝐂𝐮𝐜𝐜𝐢 (13+8rb) e 𝐌𝐢𝐬𝐤𝐚 (17) ritrovano la via del canestro e all’intervallo lungo è 44-37.

Al rientro, dopo la tripla di 𝐌𝐢𝐬𝐤𝐚, Cremona cambia registro, stringe le maglie in difesa e con 𝐌𝐚𝐝𝐟𝐨𝐫𝐝 (21) e 𝐂𝐨𝐭𝐭𝐨𝐧 (16) trova il primo vantaggio dopo un parziale di 9-0. Time out Roma che rialza la china con 𝐒𝐚𝐛𝐢𝐧 (19), ma nel finale di quarto Cremona trova due triple in 30 secondi con 𝐓𝐨𝐫𝐭𝐮’ (18) e il terzo quarto si chiude sul 65-57 per gli ospiti.

Reazione per i padroni di casa nell’ultimo periodo che tornano a -3, poi altra sfuriata dei lombardi, che guidano di 14 a tre minuti dalla fine, ennesima prova d’orgoglio per i romani che con un parziale di 8-1 nell’ultimo minuto fissano il punteggio sul 89-92.

Roma spreca un’opportunità per staccarsi dalla zona play out, mentre Cremona guadagna due punti che valgono il quarto posto nel gruppetto a centro classifica.

——————-

𝐌𝐨𝐧𝐟𝐞𝐫𝐫𝐚𝐭𝐨 – 𝐕𝐢𝐠𝐞𝐯𝐚𝐧𝐨 𝟖𝟔-𝟔𝟏

——————-

Altra vittoria tra le mura amiche per Monferrato che batte la diretta concorrente Vigevano.

Primo quarto equilibrato con gli uomini di coach Di Bella che partono forte trascinati di 𝐏𝐞𝐩𝐩𝐞𝐫 (25+9rb+4as) e arrivano sull’11-2, coach 𝐏𝐚𝐧𝐬𝐚 chiama time out e Vigevano rientra fino al 18-14 di fine primo quarto.

Nel secondo quarto si alzano le percentuali dalla lunga, Monferrato allunga con 𝐅𝐚𝐛𝐢 (17 e 5/7 da tre) e 𝐂𝐚𝐥𝐳𝐚𝐯𝐚𝐫𝐚 (14+6rb+7as), Vigevano sembra stordita con gli unici 𝐒𝐦𝐢𝐭𝐡 (20+8rb) e 𝐁𝐞𝐫𝐭𝐞𝐭𝐭𝐢 (13) a suonare la carica, all’intervallo è 41-28.

Al rientro dagli spogliatoi la manovra di Monferrato non cala d’intensità, e i piemontesi allungano sul 60-41 al 30esimo.

Nel quarto conclusivo devono solo amministrare e lo fanno nel migliore dei modi, trascinando la partita fino al definitivo 86-61 dell’ultima sirena.

Monferrato esce per la prima volta dalla zona play out e occupa l’ottavo posto con 5 vittoria, inseguita dal terzetto che vede proprio Vigevano con Roma e Agrigento ad una sola vittoria di distacco.

——————-

𝐑𝐈𝐒𝐔𝐋𝐓𝐀𝐓𝐈 𝐀𝟐 𝐆𝐈𝐑𝐎𝐍𝐄 𝐕𝐄𝐑𝐃𝐄 – 𝐆𝐈𝐎𝐑𝐍𝐀𝐓𝐀 𝟏𝟑

Trapani – Urania Milano 104-83

Cantù – Latina 90-72

Torino – Agrigento 88-77

Sebastiani Rieti – Treviglio 85-76

Luiss Roma – Juvi Cremona 89-92

Monferrato – Vigevano 86-61

——————-

𝐂𝐋𝐀𝐒𝐒𝐈𝐅𝐈𝐂𝐀 𝐀𝟐 𝐆𝐈𝐑𝐎𝐍𝐄 𝐕𝐄𝐑𝐃𝐄 – 𝐆𝐈𝐎𝐑𝐍𝐀𝐓𝐀 𝟏𝟒

𝟎𝟏. Trapani 26

𝟎𝟐. Cantu’ 22

𝟎𝟑. Torino 20

𝟎𝟒. Urania Milano 16

𝟎𝟓. Sebastiani Rieti 16

𝟎𝟔. Treviglio 16

𝟎𝟕. Juvi Cremona 16

𝟎𝟖. Luiss Roma 8

𝟎𝟗. Monferrato 8

𝟏𝟎. Vigevano 8

𝟏𝟏. Agrigento 8

𝟏𝟐. Latina 4

Autore

  • Luca Cameli

    Marchigiano verace classe ’88, cresce a Porto San Giorgio dove si appassiona alla palla a spicchi, altre alla musica e al cinema; all’età di 10 si innamora per la prima volta di… Fortitudo Bologna, che come ogni primo amore che si rispetti dà più delusioni che gioie! Entra a conoscenza di questo gruppo di pazzi grazie al fantabasket, poi entra a fare parte della redazione per gioco, colleziona un presenza al PBDay mettendo in mostra le suo doti da mangiatore e bevitore!

    Visualizza tutti gli articoli

#pubblicità
“In qualità di sito Affiliato Amazon
vengono percepite delle commissioni
sugli acquisti idonei"