Dopo aver sfatato il tabù trasferta la scorsa settimana a Pesaro che la vedeva sconfitta da 5 partite consecutite, 𝐑𝐞𝐠𝐠𝐢𝐨 𝐄𝐦𝐢𝐥𝐢𝐚 perde l’imbattibilità casalinga che durava da ben 7 partite a beneficio di un’𝐎𝐥𝐢𝐦𝐩𝐢𝐚 𝐌𝐢𝐥𝐚𝐧𝐨 che onore al merito controlla la partita per buona parte del match, con una leggera flessione fisiologica nel finale, considerato anche l’impegno europeo di pochi giorni prima.

Partita importante per Milano che restare in scia del primo posto o quanto meno avvicinarsi il più possibile alle posizioni di vertice, e coach Messina si affida al miglior quintetto possibile si dall’inizio, ed ha ragione in quanto l’impatto è importante, con Milano che approccia subito decisa la gara e prende quasi da subito un vantaggio in doppia cifra.

Gara molto attenta in difesa per Milano che riesce a limitare la corsa e le ripartenze di Reggio, ed anche l’innesto della coppia pesante 𝐅𝐚𝐲𝐞-𝐁𝐥𝐚𝐜𝐤 è tenuto sotto controllo soprattutto grazie a 𝐓𝐨𝐧𝐮𝐭 ed alla solida e solita prestazione difensiva di capitan 𝐌𝐞𝐥𝐥𝐢, decisivo anche in attacco nel finale con i punti che ricacciano via l’assalto di Reggio Emilia.

Reggio Emilia dal canto suo ha il merito di non arrendersi e di accelerare nel momento in cui Milano tira inevitabilmente il fiato e comincia a sbagliare qualcosa di troppo in attacco e grazie a 𝐆𝐚𝐥𝐥𝐨𝐰𝐚𝐲 che accende la luce nell’ultimo quarto con 8 punti e tre assit ed agli errori in lunetta di 𝐒𝐡𝐢𝐞𝐥𝐝𝐬 con un sanguinoso 0/2 arriva ad avere anche la grande occasione del sorpasso nel finale, con 𝐌𝐢𝐜𝐡𝐞𝐥𝐞 𝐕𝐢𝐭𝐚𝐥𝐢 che però affretta un pò la conclusione con una tripla che si spegne sul ferro.

Migliori realizzatori 𝐓𝐨𝐧𝐮𝐭 (19) e Mirotic (18) per l’Olimpia, mentre 𝐆𝐚𝐥𝐥𝐨𝐰𝐚𝐲 e il miglior scorer di Reggio Emilia con 17 punti.

𝟏° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 11-24 (11-24)

Partenza decisa dell’Olimpia che dopo le primissime battute di gioco piazza subito un 8-0 con il canestro di Tonut e due triple di Mirotic (4-12) che inducono coach Priftis a chiamare timeout. In uscita da questo Reggio accorcia con una tripla di Galloway, ma Napier ed una tripla di Tonut scrivono il primo vantaggio in doppia cifra per gli ospiti (7-17). Il quarto si chiude con due canestri di Hall e il massimo vantaggio per gli ospiti sul +13 (11-24).

𝟐° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 20-15 (31-39)

Parziale che si allarga con il 5-0 iniziale dell’Olimpia e un vantaggio che tocca il +18 (11-29) grazie al canestro di Voigtmann e alla tripla di Melli. La reazione di Reggio Emilia è rabbiosa e i padroni di casa si riportano in partita con un importante 11-0 di parziale (22-29) costruito di squadra ma con Atkins princiapale protagonista con 5 punti. Una tripla di Mirotic ed un canestro di Melli raffreddano gli entusiasmi (22-34), ma le triple di Atkins, Galloway e Smith tengono i padroni di casa a contatto (31-36). Ci pensa Shields con una tripla nel finale a garantire a Milano un vantaggio di otto lunghezze all’intervallo (31-39).

𝟑° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 15-21 (46-60)

A inizio ripresa l’Olimpia torna a martellare ed apre il quarto con un 8-0 che vale il nuovo +16 (31-47) propiziato da Mirotic e Tonut. Reggio Emilia accusa il colpo e non riesce ad accorciare come in occasione del secondo quarto, rosicchiando solo un paio punti nel finale grazie a un’ottimo Atkins. A fine terzo quarto però i padroni di casa sono ancora sotto di 14 punti sul 46-40.

𝟒° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 22-12 (68-72)

Nell’ultima frazione però la Unahotels profonde il massimo sforzo e complice un notevole calo fisico di Milano riapre incredibilmente la partita: dopo la tripla del +15 di Tonut (48-63) si erge a protagonista Langston Galloway che a suon di punti e assist riporta i suoi fino al -2 (64-66) a poco meno di due minuti dalla fine. Melli realizza il l +4 a 50″ dalla fine (66-70), Shields può chiuderla dalla lunetta ma uno 0/2 concede a Reggio la possibiltà di accorciare sul -2 ancora con Galloway (68-70). Sull’azione succesiva Vitali a 9 secondi dalla fine prende un rimbalzo offensivo e corre tutto il campo, prendendosi la tripla del potenziale sorpasso e vittoria con ancora qualche secondo utilizzabile. Il pallone non entra e Reggio è costretta a commettere fallo si Mirotic, che a 2 secondi circa dalla fine la chiude dalla lunetta. Finisce 68-72 per gli ospiti.

——————

STARTING FIVE

——————

𝐑𝐞𝐠𝐠𝐢𝐨 𝐄𝐦𝐢𝐥𝐢𝐚: Weber, Galloway, Vitali, Chillo, Faye

𝐎𝐥𝐢𝐦𝐩𝐢𝐚 𝐌𝐢𝐥𝐚𝐧𝐨: Tonut, Shields, Napier, Melli, Mirotic

————————-

PARZIALI DEI QUARTI

————————-

𝟏° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 11-24 (11-24)

𝟐° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 20-15 (31-39)

𝟑° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 15-21 (46-60)

𝟒° 𝐐𝐮𝐚𝐫𝐭𝐨: 22-12 (68-72)

——————————

STATISTICHE DI SQUADRA

——————————

𝐑𝐞𝐠𝐠𝐢𝐨 𝐄𝐦𝐢𝐥𝐢𝐚

2pt: 19/39 (48.8%)

3pt: 8/22 (36.4%)

Liberi: 6/8 (75.0%)

Rimbalzi: 34 (8 o. + 26 d.)

Assist: 15

Palle perse: 13

𝐎𝐥𝐢𝐦𝐩𝐢𝐚 𝐌𝐢𝐥𝐚𝐧𝐨

2pt: 15/30 (50.0%)

3pt: 10/23 (43.5%)

Liberi: 12/20 (60.0%)

Rimbalzi: 30 (5 o. + 25 d.)

Assist: 13

Palle perse: 16

———–

MVP

———–

𝐒𝐭𝐞𝐟𝐚𝐧𝐨 𝐓𝐨𝐧𝐮𝐭 (Olimpia Milano)

————–

TABELLINI

————–

𝐔𝐍𝐀𝐇𝐎𝐓𝐄𝐋𝐒 𝐑𝐄𝐆𝐆𝐈𝐎 𝐄𝐌𝐈𝐋𝐈𝐀

Briante Weber – 2pt / 0rb / 1as

Alessandro Cipolla – ne

Langston Galloway – 17pt / 5rb / 5as

Mouhamed Faye – 8pt / 1rb / 0as

Michele Vitali – 2pt / 5rb / 1as

Sasha Grant – 2pt / 2rb / 2as

Jamar Smith – 16pt / 5rb / 4as

Lorenzo Uglietti – 3pt / 3rb / 1as

Darion Atkins – 13pt / 6rb / 1as

Matteo Chillo – 0pt / 3rb / 0as

Tarik Black – 5pt / 1rb / 0as

Giovanni Alassane Camara – ne

𝐀𝐑𝐌𝐀𝐍𝐈 𝐄𝐗𝐂𝐇𝐀𝐍𝐆𝐄 𝐌𝐈𝐋𝐀𝐍𝐎

Devon Hall – 7pt / 5rb / 1as

Kyle Hines – 1pt / 2rb / 0as

Guglielmo Caruso – ne

Nicolo Melli – 10pt / 4rb / 1as

Shabazz Napier – 2pt / 2rb / 5as

Nikola Mirotic – 18pt / 5rb / 0as

Giordano Bortolani – ne

Johannes Voigtmann – 2pt / 2rb / 1as

Diego Flaccadori – 6pt / 1rb / 1as

Stefano Tonut – 19pt / 2rb / 1as

Achille Lonati – ne

Shavon Shields – 7pt / 2rb / 2as

—————-

SALA STAMPA

—————-

*𝑟𝑖𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎𝑡𝑒 𝑑𝑎𝑖 𝑠𝑖𝑡𝑖 𝑢𝑓𝑓𝑖𝑐𝑖𝑎𝑙𝑖 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑠𝑜𝑐𝑖𝑒𝑡𝑎’

𝐃𝐦𝐢𝐭𝐫𝐢𝐬 𝐏𝐫𝐢𝐟𝐭𝐢𝐬 (coach Reggio Emilia): “E’ stata una partita difficile che si è rilevata poi interessante per come si è sviluppata alla fine. Ovviamente Milano ha avuto il controllo del ritmo per gran parte di essa. Da un lato sono contento perchè abbiamo mostrato come avevo chiesto competitività, non abbiamo mai mollato, abbiamo lottato fino alla fine, dall’altro lato sono un pò amareggiato perche alla fine avevamo avuto una chance e non mi riferisco soltanto alla gestione dell’ultimo possesso ma in generale, gli ultimi possessi sia in attacco che in difesa. “.

𝐄𝐭𝐭𝐨𝐫𝐞 𝐌𝐞𝐬𝐬𝐢𝐧𝐚 (coach Olimpia Milano): “Ovviamente per noi una vittoria molto importante, che viene subito a ridosso della difficile trasferta di Kaunas, una partita dove credo siamo stati avanti per tre quarti, anche con vantaggi importanti perchè poi a un certo punto il vantaggio era sempre fra i 10 e i 15 punti, muovendo bene la palla. L’ultimo quarto credo eravamo in debito di energie, non siamo stati lucidi nel muovere la palla come lo eravamo stati in precedenza, abbiamo sbagliato qualche cosa e ci siamo innervositi. Abbiamo sbagliato anche le cose diciamo che non dovremmo, alla fine ci sono state due giocate importantissime che hanno portato ai due tiri liberi Nicolo’ e poi anche il suo canestro che da modo per lui di festeggiare il premio Reverberi, un premio importante, sono contento abbia potuto festeggiarlo qui a casa sua a Reggio Emilia. Reggio sapevamo che in casa è estremamente temibile, tiratori, una bellissima organizzazione. Siamo contenti, torniamo a casa con una vittoria importante che ci continua a tenere nelle posizioni alte della classifica“.

Autore

  • Luca Siano

    L’admin del sito web e l’ideatore del “progetto” Passione Basket promotore di diverse iniziative sui gruppi privati e coordinatore generale di tutte le attività. Grande appassionato di basket, con un debole (serio) per la Virtus Bologna!

    Visualizza tutti gli articoli

#pubblicità
“In qualità di sito Affiliato Amazon
vengono percepite delle commissioni
sugli acquisti idonei"